“Il provvedimento contro Castellino è incostituzionale e faremo ricorso per cassazione sollevando incidente di costituzionalità sui decreti Conte, come già ritenuto da una magistratura garante reale della legalità”, l’avvocato Carlo Taormina, difensore di Giuliano Castellino, non si arrende.

“Il provvedimento è ingiusto perché giudica un’altra volta comportamenti, peraltro figli solo di passione politica, e fatti per i quali Castellino ha già senza motivo pagato un caro prezzo e questo atteggiamento della magistratura romana è illecito.
Per il resto, materia che costituiva il vero oggetto delle lamentele del questore, si trattava e si tratta di violazioni in materia di COVID che non solo discendono dai famigerati decreti di Conte, ma non costituiscono reato e quindi non possono essere fonte di misure di prevenzione.
Libertà per Giuliano Castellino, leader incontrastato di chi vuole un paese libero e cattolico!”.

Categorie: Comunicati

0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder