Vittorio Veneto, presidio contro accoglienza business

Vittorio Veneto (TV) 11 febb –

Si è svolto, alle 19.30 di questa sera, un presidio presso Piazza del Popolo a Vittorio Veneto (TV), per informare la popolazione su quanto sta accadendo nella cittadina Vittoriese.

Questa mattina, gli immigrati ospitati presso il CEIS di Serravalle hanno inscenato una rivolta, bloccando la statale Alemagna con una barricata di cassonetti ed altro materiale, perché secondo loro non hanno abbastanza agevolazioni.
La neonata sezione vittoriese di Forza Nuova è subito intervenuta con questo presidio per sensibilizzare l’opinione pubblica.
Hanno fatto capannello, come testimoniano le foto in allegato, presso la piazza principale di Vittorio Veneto, oltre a 30 forzanovisti, una cinquantina di cittadini Vittoriesi stanchi di questa situazione che ci hanno dato man forte nella protesta. Molti hanno espresso la loro voglia di prendere parte alla nostra battaglia e ci hanno chiesto di tornare nella loro cittadina. Di sicuro non li deluderemo.

Forza Nuova non può che condannare apertamente la scelta dello Stato italiano di stanziare mensilmente circa 1000 euro per ogni profugo ospitato, anziché destinare la stessa quota di denaro pubblico per la pensione dei propri cittadini o per aiutare le imprese e le famiglie italiane in difficoltà, i lavoratori precari e i disoccupati!

Fermare l’immigrazione e battersi per un graduale, umano rimpatrio di tutti gli immigrati sul territorio non è più un diritto, ma un dovere. Fatti di attualità come quelli verificatesi a Roma nel quartiere di Tor Sapienza, dove sono stati gli stessi residenti in preda alla disperazione a scendere in piazza per denunciare la situazione di degrado e per chiedere e ottenere lo sgombero degli immigrati ospitati presso il Centro di Accoglienza, danno ragione a quanto predicato negli anni da Forza Nuova: l’ unica cosa da garantire agli immigrati non è il lavoro, e l’ospitalità, ma un rimpatrio celere, sicuro ed efficace.

Ufficio Stampa Forza Nuova Treviso

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi