La storica lezione del Family Day

Roma 21 giugno – Roberto Fiore*

Il milione di uomini e donne di ogni età, e i tantissimi bambini, visto ieri a Roma rappresenta un evento storico dalla valenza politica straordinaria.
Tutto il mondo politico dovrà farsi una ragione di una dinamica pre 20 Giugno e di una post.
La mobilitazione si è sviluppata nell’ arco di appena 18 giorni ed ha avuto come motore alcuni settori del mondo cattolico, in particolare i neocatecumenali (che dimostrano un’ imponente capacità di muovere famiglie), Pro Vita ed alcune parrocchie. E’ un dato evidente, inoltre, che il popolo si sia mobilitato spontaneamente, senza appelli provenienti dalla CEI.
I temi della manifestazione erano radicali – il Family Day è stato caratterizzato da tre NO perentori: no alle nozze gay, no all’ideologia gender, no ai “diritti civili” privilegiati – sono temi che non hanno partiti dalla loro parte (tutti, inclusi NCD Lega e Forza Italia, sono favorevoli ad una qualche legge che riconosca le coppie gay) e che tutti i partiti citati stanno, a posteriori e in qualche modo, cercando di cavalcare.
Per Forza Nuova la manifestazione rappresenta la prima importante affermazione di un principio: la logica naturale e le giuste posizioni, se affermate con costanza e tenacia, vincono sempre!
Il cuore della maggioranza sana degli Italiani batte ancora, o forse sempre più, dalla parte della ragione contro la follia.
FN non potrà forse mai raccogliere il voto di quella enorme folla, né si batte da sempre su certi temi per scopi elettoralistici, ma continuerà ad essere la sentinella mai dormiente di chi in Italia su famiglia, immigrazione e sovranità non accetta compromessi.

Infine, l’Italia di piazza San Giovanni dimostra che la classe politica è fuori gioco con le sue tesi aberranti o di accettazione della pseudo cultura gay liberal; il mondo dei media e della “cultura” alla moda appare vecchio, con i suoi barbosi miti sessantottini, e gli apparati della Chiesa vengono superati da un popolo antigiacobino, stanco degli inviti alla prudenza e alla moderazione.
Gli Italiani del 20 Giugno hanno parlato, il mondo politico trema.

*Segretario nazionale
Forza Nuova

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi