Riccione, sindaco contestato: “FN non perdona!”

RICCIONE 12 febb –
All’alba di giovedì 12 febbraio una decina di militanti forzanovisti si sono recati presso il Comune di Riccione per portare la loro protesta nei confronti della scellerata delibera per l’accoglienza a favore di clandestini giunti in Italia con l’operazione Mare Nostrum, oggi Triton.
“Renata sporcacciona, FN non perdona!” il testo dello striscione affisso innanzi all’entrata del Municipio ed indirizzato al primo cittadino Renata Tosi, rea di aver compiuto delle vere e proprie “porcate” nei confronti degli oltre ottomila elettori di centrodestra che la scorsa estate votarono per lei nella speranza di un cambiamento e di una maggiore attenzione alle esigenze dei numerosi cittadini riccionesi indigenti.
“Che ad amministrare la città sia una giunta di centrosinistra o una di centrodestra, come in questo caso con FdI, FI e Lega, non cambia assolutamente nulla” – interviene Mirco Ottaviani, responsabile Forza Nuova Romagna – a venire prima di tutto e prima di tutti è sempre l’ultimo arrivato”.
“Apprendiamo con sdegno, ma non con stupore – prosegue – la decisione della giunta comunale di destinare i primi 10 posti nel centro di accoglienza di via Piemonte ad altrettanti stranieri e l’ancor più spudorata intenzione di procedere progressivamente all’accoglienza di ben 84 clandestini nei tre centri presenti in città”.
“Se la Tosi pensava di fare le sue porcherie senza che nessuno si scomodasse e senza aver tenuto prima un dovuto confronto coi propri cittadini – incalza il responsabile – ora sa che si trova a fare i conti con Forza Nuova, la quale si è fatta portavoce dell’indignazione di migliaia di riccionesi”.
“Si tratta di un affronto e dell’ennesima discriminazione nei confronti dei cittadini italiani e dei tanti riccionesi che, a causa dell’incessante crisi economica, oggi versano in stato di gravissima difficoltà, senza qualcosa da mangiare o talvolta senza un tetto sotto il quale ripararsi; che il sindaco abbia trovato un ottimo escamotage per rimpinguare le casse comunali grazie ai mille euro al mese elargiti dallo stato italiano per ogni profugo ospitato?” si domanda il responsabile forzanovista.

I cittadini attendono una celere ed immediata risposta e se, come sta accadendo sempre più in questi giorni, continueranno le incessanti chiamate alla nostra segreteria da parte di riccionesi traditi ed umiliati pronti a scendere in piazza con Forza Nuova, non solo ci mobiliteremo per manifestare in strada la nostra rabbia ma siamo già pronti a lanciare un vero e proprio nucleo operativo anche su questo territorio.
Davanti a quella che oramai è diventata una vera e propria lotta per la sopravvivenza, con il nostro Paese in ginocchio tra serrande abbassate, disoccupazione alle stelle ed un forte decremento delle nascite è giunto il momento di pensare PRIMA AGLI ITALIANI!

Ufficio Stampa
Forza Nuova Riccione

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi