Provenzale:”Berlusconi a Palermo? Operazione politica contronatura”

Palermo 20 mar –
“Berlusconi a Palermo? Un’operazione politica contro natura. Dopo la foto ricordo di Bologna, per altro già bruciata dalle faide romane, in cui la coppia Bossi-Fini veniva rimpiazzata dall’analogo duo Salvini-Meloni, raccoglie fondi a cena e scatta foto già viste anche sul palco del Politeama, oltre che in pasticceria, circondato dalla stessa corte del 61 a zero di 15 anni fa, Micciché in testa. Sconcertano la noncuranza per il passare del tempo e, soprattutto, lo sfregio alla decenza”, impietoso il commento sulla 2 giorni palermitana dell’ex premier nelle parole del vicesegretario nazionale di Forza Nuova, Giuseppe Provenzale, guida in Sicilia del movimento di Roberto Fiore.

“E’ contro natura non prendere atto del tempo che passa – prosegue la nota – sorvolare sul fatto che in questi anni nulla di buono è stato fatto per la Sicilia, trattare i siciliani senza alcun rispetto, come fossero idioti e smemorati, proponendosi come alternativa a quel Crocetta – che fu eletto proprio grazie alle manovre della coppia Berlusconi-Micciché ai danni di Musumeci – e a quel Renzi – in piedi grazie ad Alfano e Verdini, sempre legati a doppio filo al cavaliere, il primo dei quali già richiamato pubblicamente all’ovile di Arcore – con clientele politiche sovrapponibili e posizioni politiche intercambiabili, persino nel sostegno alle unioni In-civili”.

“Il teatrino del centrodestra, sul cui palco al posto di Dell’Utri sfila l’impresentabile ex PD Genovese, non è diverso da quello dei rampanti renziani guidati da Faraone dalle parti del centrosinistra. La presenza di tanti siciliani in prima fila, la storia lo insegna – conclude Provenzale – garantisce la perfetta continuità bipartisan con la triste sorte coloniale di un’isola sempre provincia della più grande colonia-Italia; un mare chiuso di voti clientelari e mafiosi, circondato da un oceano di complice indifferenza e astensionismo”.

Forza Nuova Sicilia
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi