Prato, cinesi occupano anche orti e campi; Fiore: “Stroncare connivenza con criminalità organizzata”

Roma 26 marzo –
La comunità cinese di Prato, e la malavita della medesima provenienza, continuano ad agire nella più completa illegalità con la connivenza delle istituzioni, esplode il caso dell’occupazione di campi ed orti.
Puntuale e durissimo l’intervento del segretario nazionale di Forza Nuova, Roberto Fiore:
“Perché le istituzioni, iperattive quando si tratta di controllare i lavoratori italiani, consentono alla comunità cinese di violare anche le leggi più elementari?
Com’è possibile che sorgano accampamenti abusivi e si costruiscano capanne, dentro le serre e su terreni agricoli acquistati con soldi di dubbia provenienza?
Come mai gli si permette di coltivare ettari di terreno con sementi non certificate?
Perché i loro bambini sono costretti a vivere in condizioni da quarto mondo, senza che intervengano i servizi sociali?”
“Imprenditori, commercianti, agricoltori italiani – incalza Fiore – pagano tasse anche sull’ombra, vengono costantemente sanzionati, vessati, spesso indotti al suicidio … Per i cinesi di Prato, invece, tutto è lecito”.
“Forza Nuova chiede l’immediato allontanamento del prefetto e il commissariamento del comune di Prato. Inoltre, in casi di così grave, manifesta e duratura connivenza con la criminalità organizzata – ha concluso – soltanto l’intervento dell’esercito e leggi speciali consentirebbero di ristabilire la legalità, punire i colpevoli, eliminare lo schiavismo, bonificare i terreni, restituire sicurezza e speranza all’agricoltura e alle imprese locali”.

Forza Nuova
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi