Parlamento, vergogna PD su caso pedofilia del Forteto

Firenze 11 luglio –

“Inoltre c’è da rabbrividire pensando che Renzi nel 2011 arrivò addirittura ad invitare un individuo come il Fiesoli a Palazzo Vecchio a parlare ai ragazzi in qualità di educatore”.

Un’ulteriore pagina vergognosa sui loschi rapporti tra il Partito Democratico e la comunità agricola Il Forteto è stata scritta ieri in Parlamento.
Con una mozione il Pd evita il commissariamento della cooperativa, riservandone al governo Renzi il controllo per “essere restituita alla destinazione originaria”.
Con quale faccia oggi i parlamentari dem osano bloccare il commissariamento?! Facciamo notare che proprio esponenti del Pd preferirono difendere il mostro Rodolfo Fiesoli piuttosto che credere alle testimonianze delle vittime, facciamo notare che non si contano gli esponenti Pd (prima Ds, Pds e Pci) che negli anni sono passati al Forteto a rendere omaggio al ‘profeta’ Fiesoli nonostante questo fosse un condannato in sede penale già dal 1985 per maltrattamenti ed atti di libidine e facciamo notare che tutto questo succedeva nonostante il “piccolo dettaglio” che anche la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo avesse riconosciuto nel 2000 che all’interno della struttura si perpetravano maltrattamenti e delitti ai danni dei bambini.
Inoltre c’è da rabbrividire pensando che Renzi nel 2011 arrivò addirittura ad invitare un individuo come il Fiesoli a Palazzo Vecchio a parlare ai ragazzi in qualità di educatore.
E’ evidente che di fronte a quanto successo fosse impossibile non sapere che tipo di persona fosse Rodolfo Fiesoli e ciò nonostante il Pd con i suoi esponenti ha continuato negli anni a difenderlo a spada tratta arrivando addirittura a scagliarsi contro un loro compagno di partito, Bambagioni, reo di aver osato schierarsi a favore delle vittime del Forteto in quanto vice-presidente della commissione d’inchiesta della Regione Toscana sulla squallida faccenda.
Come si fa a difendere un personaggio del genere quando condannato per reati simili?
Come si fa ad ignorare sentenze di tribunali Italiani ed Europei continuando a trattare da santo, talvolta addirittura da vittima, quello che in realtà è un mostro?
Per quale motivo? Il Pd non ha ancora chiarito tanti, troppi, lati oscuri di questa vicenda e si appresta a diventare il soggetto designato ad occuparsi del nuovo Forteto? Ci pare quantomeno improprio.
Sarebbe opportuno che coloro che hanno difeso per decenni degli stupratori di bambini e criminalizzato le povere vittime di questi abusi si facessero da parte lasciando spazio a soggetti più indicati o quantomeno che non siano implicati in vicende di pestaggi, vessazioni e stupri ai danni di minori. Ma forse, oggi più che mai, il Pd ha interesse a tenere le grinfie strette sul Forteto.

Forza Nuova Toscana
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi