Milano: ” Nessun rogo in piazza, i veri incendiari sono i giornalisti gay friendly”

Roma 28 marzo –
“Non sarà popolare, ma l’unico utilizzo che ci viene in mente per alcuni testi che abbiamo sfogliato … è quello di accendere il fuoco nel caminetto o nella stufa di casa”; nel virgolettato si può leggere, e comprendere, per chi non avesse interesse a soffiare sul fuoco, quanto realmente scritto nel comunicato della nostra federazione milanese, pubblicato sulle nostre pagine e inviato ieri alla stampa: nessun rogo di piazza quindi, ma la semplice espressione della sorte che, a nostro parere, farebbero, a casa nostra, certe pubblicazioni.
Leggendo i virgolettati che seguono, invece, si può agevolmente prendere atto di quanto sia elevato il quoziente di malafede molto “politicamente corretta”, e altrettanto ideologicamente scorretta e faziosa, dei media, unanimemente schierati contro i diritti dei bambini e delle famiglie:
“Forza Nuova manda al rogo i libri per bambini che ‘inneggiano all’omosessualità'”
“Forza Nuova: ‘Bruciamo i libri di propaganda omosessuale’ “, solo per citare, nell’ordine, Repubblica e Corriere.
Difenderemo, quindi, in tutta Italia il nostro diritto alla libertà d’espressione nelle piazze e nelle aule di tribunale, rivendicando la tradizionale civiltà delle nostre posizioni e l’autentica barbarie di quanti – vero Pierluigi Battista? – in nome di presunti “diritti” non trovano nulla di strano nel fatto che, dietro alle colorate copertine, ai simpatici personaggi e ai divertenti disegni, di certi “libretti” si nasconda un’orribile strategia, denunciata ormai da più parti, Chiesa compresa, che vuole malignamente insinuare nelle menti dei bimbi più piccoli la presunta normalità di ogni sovversione dell’ordine naturale, fino alla propaganda dell’erotismo infantile e alla negazione del sesso biologico.
Confermiamo quindi quanto già scritto e, in particolare, la distribuzione che faremo, dalle 15:00 in piazza Oberdan a Milano, ai genitori interessati dell’elenco delle pubblicazioni su cui vigilare e del testo della lettera da inviare ai presidi per chiedere formalmente d’essere preventivamente informati:
– su ogni ogni lezione, progetto, attività didattica riguardante questioni fisiche e morali connesse con la sfera affettiva e sessuale dei bimbi/ragazzi
– su tutte le campagne previste contro il bullismo o le discriminazioni o il razzismo o la parità di genere.

Di seguito il link del comunicato integrale diffuso ieri dalla nostra federazione milanese:

https://www.facebook.com/ForzaNuovaMilano/posts/803388276419944:0

Forza Nuova
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi