Mai come la Germania. Non toccate le nostre donne!

Roma 6 genn –
Roberto Fiore* –

I tedeschi, mostratisi, con forti dosi di autolesionismo, eccessivamente accoglienti con i finti rifugiati, vengono barbaramente colpiti nella loro dignità con una serie spaventosa di stupri e aggressioni sessuali nella notte di Capodanno, avvenuti in varie città tedesche quali Colonia e Düsseldorf, che stanno aprendo gli occhi a molti sui gravi rischi dell’invasione immigratoria.
Un affronto selvaggio, di massa e organizzato che deve trovare la reazione vigorosa di tedeschi ed europei.
I popoli possono subire le crisi artificiali, i tradimenti di governo e perfino i politici mafiosi, ma non possono tollerare la violenza massiva sulle donne, come avvenne settant’anni fa in Ciociaria e come avviene oggi quando la guerra, fatta o subìta, si trasforma nello strumento usato da gente incivile e vigliacca per violare quanto di più caro, e di più sacro dopo la propria fede, ha un uomo.
Al grido liberal che per anni ha proclamato”Touche pas à mon pot”, intendendo per amico (pot) l’immigrato, rispondiamo oggi con forza: “Touche pas à ma femme”, non toccare la mia donna.

*Segretario nazionale Forza Nuova
Presidente Alliance for Peace and Freedom

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi