Intimidazione a tre forzanovisti veneti, proiettili nelle cassette delle lettere

21 agosto –

“Le motivazioni del gesto, in perfetto stile mafioso, sono certamente da ricercarsi nell’attività instancabile del nostro movimento politico che non ha lasciato alle spalle nessuna rivolta anti-immigrazione tra quelle che hanno coinvolto il Veneto dall’inizio di luglio ad oggi”.

La scorsa notte, tre forzanovisti veneti, dirigenti e militanti del Movimento, sono stati destinatari nelle proprie cassette delle lettere, con chiara finalità intimidatoria, di pacchi contenenti proiettili. Il gravissimo episodio rende ancora più pesante il clima di accanimento che sta colpendo Forza Nuova, soprattutto in questi ultimi due mesi.

Pur rimanendo in attesa che le indagini facciano il proprio corso, teniamo a precisare che le motivazioni del gesto, in perfetto stile mafioso, sono certamente da ricercarsi nell’attività instancabile del nostro movimento politico che non ha lasciato alle spalle nessuna rivolta anti-immigrazione tra quelle che hanno coinvolto il Veneto dall’inizio di luglio ad oggi.

” Dall’episodio di Quinto di Treviso, fino al corteo di Frassinelle – afferma Davide Visentin, segretario regionale in Veneto – Forza Nuova ha cominciato a ricevere, parallelamente all’aumento di consenso popolare, dovuto al sostegno che abbiamo dato fin dall’inizio alle battaglie sacrosante dei nostri concittadini, una serie di attacchi politici, provenienti spesso da amministrazioni locali, e di mistificazioni a mezzo stampa finalizzate a delegittimare un successo che, evidentemente, dà fastidio ad alcuni settori del nostro Paese ”.

“Ribadiamo che siamo l’unico movimento politico che in Veneto, grazie ad una base militante forte e numerosa, si è opposto politicamente al business dell’immigrazione che coinvolge cooperative, associazioni di volontariato e costruttori e, anche fisicamente, all’occupazione di immobili, basi militari dismesse e strutture varie che vorremmo fossero destinate agli italiani indigenti con la stessa velocità con cui vengono predisposte per profughi o presunti tali ”.

“La nostra posizione e le nostre azioni, compiute sempre alla luce del sole – prosegue Visentin – stanno creando scompiglio e senso di inadeguatezza in chi consapevolmente si macchia di tradimento verso il popolo italiano, alimentando questa immigrazione incontrollata.
E’proprio in questo che si rintraccia la vera violenza e non certo nei metodi politici di Forza Nuova che fa affidamento su militanti di ogni età e provenienza sociale, giovani e madri e padri di famiglia”.

“Sono accanto ai miei militanti che hanno subito questo vile atto di minaccia – conclude Visentin – frutto delle falsità confezionate apposta per zittirci.
Forza Nuova è già da anni abituata ad affrontare delegittimazioni, finanche in campagna elettorale, in primis dallo stesso Stato che dovrebbe tutelare la “democrazia” e, certamente, quest’ ultimo episodio non fermerà le importanti battaglie che ancora ci attendono”.

Forza Nuova Veneto
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi