Immigrazione violenta, D’Angeli: “Rieti non sarà Colonia”

Rieti 4 febb –
“Rieti non sarà Colonia” questo il testo dello striscione comparso stanotte nel capoluogo reatino firmato ancora una volta da Forza Nuova
“Negli ultimi mesi gli episodi di cronaca che hanno visto coinvolti immigrati sono sempre di più e sempre più gravi soprattutto per una realtà tranquilla come la nostra.” ci dice Massimo D’Angeli responsabile di Forza Nuova a Rieti: “ultimo in ordine di tempo l’aggressione di ieri in Via Cintia, ma anche le aggressioni al parco VI giugno, davanti alla Stazione nei confronti di un disabile, le intimidazioni a sfondo sessuale a novembre scorso… Insomma la lista si sta preoccupantemente allungando e non possiamo e non vogliamo rimanere passivi.”
D’Angeli si riferisce ad alcuni episodi di cronaca accaduti in città fra novembre e dicembre che effettivamente hanno turbato e non poco la cittadinanza e lo spauracchio di un altra Colonia, paventato dall’iniziativa dei forzanovisti, non è poi cosi lontano, con le dovute proporzioni fra una città come Colonia ed una come Rieti.
Allora gli chiediamo: Ma è un problema Europeo non di Rieti come pensate di porvi rimedio?
“Mentre in tutta Europa gli stati chiudono le frontiere, aumentano i controlli, inaspriscono le pene per i sedicenti richiedenti asilo che si macchiano di crimini, in Italia si continua a spalancare le porte, si continua ad accogliere, si continua a privilegiare l’immigrato a scapito dei nostri connazionali, si continua a foraggiare il business dell’accoglienza che ha arricchito pochi e spesse malavitosi. A tutto questo Forza Nuova dice un no chiaro e forte. Tempo fa abbiamo presidiato il parco e non escludiamo di portare anche qui a Rieti le nostre «passeggiate per la sicurezza»”
Conclude infine D’Angeli: “Se le istituzioni, a cominciare dal Ministro Alfano che è il primo responsabile di questa situazione di crisi, non si preoccupano del popolo italiano lo faremo noi forzanovisti, come abbiamo sempre fatto, anche, per esempio, con Solidarietà Nazionale. Nei prossimi giorni ci faremo vedere e sentire…”
A questo punto non possiamo che aspettare la prossima mossa del movimento di D’Angeli che immaginiamo sarà comunque fuori dal coro.

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi