Immigrazione assassina a Terni; Fiore: “Sistema Italia ha mani sporche di sangue”

Roma 13 marzo –
“L’unica vera minaccia per la sicurezza degli italiani non è rappresentata dagli estremisti islamici dell’Isis ma dall’incapacità del ministero dell’interno, e del suo indegno occupante di fare qualcosa di utile”. E’ quanto dichiarato da Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova, dopo la tragica notizia dell’omicidio, ad opera di un immigrato marocchino, già colpito nel 2007 da un provvedimento di espulsione dall’Italia, del giovane David Raggi.
“L’Italia è un colabrodo, incapace di difendere le sue coste, incapace di espellere i clandestini, incapace di sapere chi effettivamente si trovi all’interno del territorio nazionale, incapace di tutelare un giovane italiano in una piazza di Terni dall’azione assassina del Kabobo di turno.
La storia si ripete ed è drammatica: una persona che non avrebbe dovuto essere in Italia da anni, ha ucciso un giovane italiano che si trovava nel posto sbagliato nel momento sbagliato.

L’Italia del centro destra e del centro sinistra, l’Italia grillina e quella leghista sono colpevoli.
I primi, per anni al governo, non hanno fatto nulla, sinistra e grillini hanno cancellato il reato di clandestinità e guardano solo ai presunti diritti dei non italiani”.

“L’intero “sistema Italia” – ha concluso Fiore – è colpevole di mettere a repentaglio la sicurezza dei cittadini italiani e ha le mani sporche di sangue. Fermare l’immigrazione e proteggere gli italiani è indispensabile e possibile. Ci vogliono solo la volontà politica ed il coraggio. Due elementi che a Forza Nuova non mancano”.

Forza Nuova
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi