Immigrati nelle case degli italiani? Nella Lega c’è chi dice sì; Sartori:”I militanti leghisti riflettano”

Spinea (VE) 24 ott –

La proposta formulata dal Cism (Coordinamento Immigrati Sud del mondo) di aprire le porte delle abitazioni private agli immigrati ha trovato nel segretario provinciale della Lega Nord, e consigliere regionale, Alberto Semenzato, un inaspettato sostenitore.
Convinto che riempire le case degli italiani di stranieri sia meglio che arricchire le coop e le onlus cattoliche, il dirigente leghista si è detto disponibile a parlarne.
“La disponibilità di Semenzato ad accogliere migranti senza nome né passato, ipotizzando un beneficio economico per le famiglie italiane che accettino questa proposta, è quanto di più insensato si possa ipotizzare – afferma Sebastiano Sartori, dirigente veneto di Forza Nuova – se da un lato e’ indispensabile interrompere la speculazione sfrenata delle coop sulla testa degli immigrati, è altrettanto improponibile chiedere alle famiglie italiane di vendersi per pochi euro e contemporaneamente permettere l’invasione straniera casa per casa”.

“Noi riteniamo vi siano altri modi di risollevare le famiglie italiane in difficoltà, prima tra tutte l’emissione di moneta locale complementare – prosegue Sartori – l’unica soluzione per risolvere la questione dei finti profughi, che non scappano da nessuna guerra, è, poi, il rimpatrio immediato. Sarebbe interessante conoscere il parere dei tanti volenterosi militanti leghisti al riguardo.
E’ per loro normale sentirsi rappresentati da un esponente che invece di difendere con i denti il proprio popolo dall’invasione selvaggia in atto, vuole, con le sue aperture favorire proprio quell’immigrazione clandestina che sta minando la solidità della nostra Nazione?”.

“E’ naturale chiedersi – conclude Sartori – se i militanti leghisti non trovino più vicini ai loro ideali programmi e proposte di Forza Nuova, sempre coerente e ferma nelle sue posizioni su questo ed altri temi, piuttosto che le proposte e i comportamenti di alcuni esponenti di punta del proprio schieramento.
“Per questo invitiamo, in questo delicato momento, anche loro ad unirsi alla nostra causa, che non è fatta solo di slogan e copertine ma è figlia del contatto diretto con il popolo italiano e le sue necessità, sia a nord che a sud del Paese”.

Forza Nuova Venezia
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi