Forza Nuova: Stop accoglienza business nella Provincia romana!

“I soldi pubblici vadano per case e servizi agli italiani.”

Il Coordinamento della Provincia di Roma di “Forza Nuova” preso atto del prossimo arrivo di oltre 1.600 profughi/clandestini in vari comuni della provincia di Roma, si ritiene in dovere oggi più che mai di difendere la popolazione locale dai pericoli connessi a quello che può definirsi un vero e proprio “business dell’accoglienza”. Vergognosa è la decisione del Ministro degli Interni di stanziare altri 27 milioni di euro per l’accoglienza ai sedicenti profughi, un vero e proprio schiaffo alle fasce più deboli della popolazione italiana, così come è vergognoso il lucro che molte associazioni e cooperative senza scrupoli fanno sull’immigrazione.
Forza Nuova, come accaduto nelle varie realtà locali in cui è stato invocato l’intervento dei nostri militanti, si fa portavoce del malcontento popolare e si mette a disposizione di quanti vogliano schierarsi contro questa invasione e contro quei “cooperanti” traditori della patria che ogni giorno ricevono dallo Stato 35€ esentasse di cui solo una parte viene dedicata al vitto dei profughi ospitati.
Forza Nuova, inoltre, non può che condannare apertamente la scelta del governo di stanziare mensilmente circa 1000 euro per ogni profugo ospitato, anziché destinare la stessa quota di denaro pubblico per le pensioni dei propri cittadini o per aiutare imprese e famiglie italiane in difficoltà, i lavoratori precari ed i disoccupati!
Ricordiamo che dei 150mila immigrati sbarcati nel 2014, la metà sono spariti e le autorità non sanno dove siano e cosa facciano, della restante metà solo il 10% ha ottenuto lo status di rifugiato politico, quindi oltre 140 mila persone sono approdate clandestinamente sul nostro territorio a spese dello Stato, cioè a spese nostre.
Rincara la dose Marco Troiani, responsabile del nucleo forzanovista di Fonte Nuova,comune non lontano dai vari Capena, Fiano e Morlupo, alcuni dei paesi interessati alla nuova ondata di “accoglienza” : “Non è un caso che aumentando il budget destinato ad ogni singolo immigrato, siano aumentate anche le richieste di accoglienza. Richieste molto spesso fatte da immigrati che si avvalgono dello status di rifugiato politico anche se provenienti da paesi, quali ad esempio il Bangladesh, che non sono in guerra con nessuno e non hanno nessun conflitto interno. I soldi pubblici vadano per case e servizi agli italiani.”
Continua Gianguido Saletnich, segretario regionale: “Fermare l’immigrazione e battersi affinchè gli immigrati vengano aiutati realmente nei loro paesi di provenienza, contro tutta l’ipocrisia buonista e radical chic che ci fa spendere quasi 40 euro al giorno per ogni clandestino quando ci sono associazioni, ONLUS e ONG come l’AMREF che con meno di 50 euro al mese mantengono una persona in Africa la fanno screscere, la fanno studiare e la fanno diventare un punto di riferimento per il resto della popolazione. Ricordiamo che fatti come quelli verificatesi a Roma a Tor Sapienza, dove i residenti esasperati scesero in piazza per denunciare la situazione di degrado della zona e per chiedere ed ottenere lo sgombero degli immigrati ospitati presso il Centro di Accoglienza, danno ragione a quanto Forza Nuova ha sempre detto e preannunciato: l’unica cosa da garantire agli immigrati non è lavoro e ospitalità qui in Italia, ma una vita dignitosa nei loro paesi, liberi dal giogo delle multinazionali.”
Ufficio Stampa Forza Nuova Provincia Roma Nord Est

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi