Fiore:”Family Day, messaggio inequivocabile: gli italiani non vogliono le ‘unioni civili'”

Roma 30 genn –
“Il messaggio del Circo Massimo è forte e chiaro: gli italiani non vogliono nemmeno le ‘unioni civili'”, l’analisi di Roberto Fiore sul trionfo popolare del 30 gennaio non lascia spazio ad interpretazioni.
“Certo, sorprende non poco la presenza di politici – di centrodestra, centrosinistra e, persino, di “estrema destra”, nonché di esponenti del “cattolicesimo adulto” – da sempre favorevoli alle unioni civili, convertiti improvvisamente, quasi si trattasse della via di Damasco, ad una tesi intransigente che apparteneva fino a pochi mesi fa solamente a Forza Nuova, ma tant’è: il nostro popolo non vuole sentir parlare di uteri in affitto, di step child adoption né di ‘diritti civili’ per chi vuol fare del proprio triste problema una virtù da celebrare. Gli italiani non ne vogliono sapere di famiglie numerose discriminate e di deserto demografico”.
“Ma la cosa non ci turba – prosegue – anzi, fa parte della storia d’Italia: sono sempre le minoranze coraggiose a tenere la rotta, anche a costo di andare contro corrente e contra mundum, poi le idee sane vanno avanti da sole e si affermano con la forza della ragione ed il coraggio di chi ha Fede.
Chi avrebbe scommesso alcuni mesi fa che in Italia più di un milione di persone si sarebbero scagliate con forza a difesa della famiglia?
Ma, anche, chi avrebbe detto – conclude Fiore – che gli svedesi si sarebbero svegliati cacciando via in un sol colpo 80 mila clandestini? Stiamo forse assistendo al tramonto dell’utopia liberal-nichilista?”.

Forza Nuova
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi