Fiore, scandalo derivati: “Stato chieda restituzione denaro alle banche”

Roma, 15 sett –

“Fummo noi a denunciare nel 2012 la clamorosa sottrazione di denaro al Tesoro da parte di un gruppo potentissimo che comprendeva boiardi di Stato, il Presidente del Consiglio Mario Monti, suo figlio e una delle principali banche speculative americane: la Morgan and Stanley.
Circa 7 miliardi sparirono in pochi giorni dai conti italiani e approdarono all’istituto americano”, lo ricorda il segretario nazionale Roberto Fiore in una nota diffusa oggi alla stampa.
“A distanza di quattro anni, i fatti sono oramai chiari a tutti. Se lo Stato italiano si facesse valere, la quantità di denaro che potrebbe rientrare nelle tasche degli italiani sarebbe enorme e finalmente vedremmo alla sbarra, come meriterebbero, finanzieri e politici. Anche Roma si può salvare in questo modo continua Fiore – circa 10 miliardi di debito, causato in gran parte dai derivati – quindi bond spazzatura, vere e proprie truffe – pesa sui romani e impedisce che gli autobus vengano riparati o le strade riportate a livelli di decenza”.
“La Raggi non potrà mai governare – conclude – se non considererà quel debito ‘odioso’ e quindi inesigibile”.

Forza Nuova
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi