Falsi ricongiungimenti, traffico di organi e minori: il business criminale dell’immigrazione ringrazia il sistema accoglienza

Nuovo caso a pochi giorni dall’interrogazione sul tema di Udo Voigt (APF) alla Commissione europea

5 lug – In una profumeria di via Volturno, a Roma, sequestrati 526.000 euro e 25.000 dollari in contanti oltre ad un libro mastro con centinaia di nomi di clandestini, una specie di banca per il pagamento delle singole tratte con il metodo hawala (consegne di denaro a distanza, tramite familiari e mediatori, per far proseguire il viaggio).
In un bar nel centro di Palermo individuato il punto di ritrovo per i clandestini aiutati a fuggire dai Centri di accoglienza e poi fatti partire verso il Nord.

Le voragini del sistema colabrodo dell’accoglienza emergono, dunque, ancora una volta; già ad aprile 2015 e nel febbraio di quest’anno, infatti, organizzazioni criminali transnazionali – in primo piano gli eritrei – i cui membri risiedevano al Cara di Mineo erano state individuate dagli inquirenti come protagoniste del traffico di esseri umani su cui fanno i loro affari anche i nostri politicanti. Anche questi ultimi, infatti, sono protagonisti di una speculazione senza ritegno su migrazioni che nulla hanno di spontaneo, rispondendo a precisi disegni delinquenziali che, senza il richiamo ipocrita dell’accoglienza umanitaria, poco o nulla avrebbero da lucrare.

Progetti e organizzazioni criminali la cui azione è, quindi, nei fatti parallela a quel sistema dell’accoglienza business “che rende più della droga” a partiti, coop e faccendieri.
Ma, come se non bastasse, lo scenario dell’ultima inchiesta accende i riflettori su un altro aspetto agghiacciante del fenomeno immigratorio: il traffico di organi – espiantati a chi non può pagare – a cui si aggiunge, come emerso in varie occasioni, quello dei minori non accompagnati, entrambi possibili grazie ai grandissimi numeri degli sbarchi e alle inadeguatezze del sistema di identificazione che i trafficanti riescono ad eludere con grande facilità e su cui gli speculatori nostrani continuano a guadagnare, grazie ad identità fittizie di gente spesso non più presente nei Centri.

Già da tempo, Forza Nuova e il suo segretario nazionale Roberto Fiore denunciano quanto accade e, proprio qualche giorno fa (il 21 giugno), grazie ad Udo Voigt (NPD), europarlamentare tedesco di APF, queste denunce hanno ottenuto la ribalta europea per mezzo dell’interrogazione indirizzata alla Commissione Europea, presieduta da Jean Claude Juncker, che riproduciamo integralmente.
Scrive Voigt:
“Secondo i dati forniti da Europol (pagine 11 e 12 del report 22/02/2016) ” Nel 2015, 85.482 minori non accompagnati hanno fatto richiesta d’asilo” e “In molti Stati UE, minori non accompagnati sono spariti dai centri d’accoglienza”. Lo stesso report ammonisce che “Il numero delle persone vulnerabili allo sfruttamento lavorativo o sessuale è in aumento, si prevede un aumento ulteriore di tale sfruttamento”.
Brian Donald, Capo di Europol, intervistato da The Observer (https://www.theguardian.com/…/fears-for-missing-child-refug…) ha affermato che almeno 10.000 minori sono spariti dopo essere entrati clandestinamente in Europa nel 2015. Sussiste quindi il concreto timore che tali minori siano caduti nelle mani di criminali.
Considerati i dati sopramenzionati:
– Quali sono le contromisure che la Commissione prende per fermare il traffico di esseri umani?
– La Commissione intende iniziare una politica coordinata con le autorità locali in Asia e Africa al fine di sradicare le organizzazioni criminali che sfruttano gli esseri umani e, soprattutto, i bambini?
– La Commissione vuole intraprendere o chiedere un’indagine su persone e organizzazioni europee che finanziano tali organizzazioni criminali?”.

Aggiorneremo sulla risposta della Commissione, proseguendo nell’opera di controinformazione e denuncia che portiamo avanti da tempo. Chi sostiene l’invasione dell’Europa, sostiene nei fatti anche le peggiori organizzazioni criminali.

Forza Nuova e Alliance For Peace and Freedom (Italia)
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi