Tre domande a Roberto Fiore – Forza Nuova, l’omosessualismo, il gender, lo stile di vita omosessuale…

Roma 29 agosto –

D- Fiore, Forza Nuova è sempre in prima fila nel contrasto all’avanzata dell’ideologia gender: il numero verde nazionale per le segnalazioni dei genitori a tutela dei minori nelle scuole, la vostra presenza in piazza San Giovanni, le denunce in Sicilia, sempre a tutela dei minori, relative ai concorsi di miss trans che annunciavano di voler sfilare coi bambini, le numerose conferenze, due nel catanese anche in questo fine settimana, la pubblicazione di articoli che ne analizzano le basi concettuali, i siti come Gay burg che attaccano i nostri esponenti …

R- Abbiamo da sempre contrastato la diffusione dell’omosessualismo, anche quando ancora nessuno parlava dei pericoli oggi evidenti agli occhi di tutti; il nostro primo corteo anti gay pride a Roma risale a circa 15 anni fa, fummo i primi, inoltre, a Catania, a bloccare per ore una di queste oscene sfilate … Siamo convinti che, insieme all’invasione immigratoria, che punta a cancellare la nostra identità, e alla miseria economica, finalizzata a fiaccare ogni capacità di resistenza, l’involuzione culturale che le stesse potenti lobby portano avanti con l’aggressione gender rientri nel quadro di una mutazione antropologica radicale che, nei progetti dei poteri più oscuri, voglia condurre l’intera umanità, così come la abbiamo sempre conosciuta, alla sua scomparsa.

D- Come intendere, ai fini di spiegare meglio le nostre posizioni, l’annunciato invio della tessera ai noti stilisti gay Dolce e Gabbana, coppia di omosessuali dichiarati e conviventi. Forza Nuova potrebbe tesserare omosessuali dichiarati?

R- Assolutamente no. Si trattò di un’evidente provocazione, lo stile di vita omosessuale resta comunque riprovevole, non ci appartiene ed è lontano milioni di anni luce dal nostro. Il senso di quell’annuncio, nessuna tessera fu ovviamente inviata, era rivolto ad evidenziare una spaccatura importante su cosiddette nozze e adozioni all’interno dell’ambiente omosessuale, e come una contraddizione imbarazzante fu recepita dagli stessi attivisti gay e dalla stampa.

D- Parliamo delle prospettive future, sembra che Forza Nuova stia guadagnando importanti spazi sul fronte del contrasto all’aggressione gender…

R- E’ così infatti. Anche al nord, la sensibilità su questo tema sta aumentando e la nostra intransigenza ha fatto sì che singoli attivisti e comitati ci vedano sempre più come interlocutori di riferimento e avanguardie di una battaglia fondamentale che si annuncia lunga e difficile.
E’ nostra intenzione continuare a lavorare in tutta Italia con associazioni, famiglie e singoli in reciproca collaborazione. E’ un fronte che non consente il benché minimo arretramento.

Redazione RadioFN

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi