Cosenza e Verbicaro, promesse mantenute e antifascismo in crisi

Cosenza 9 genn –

Molto positivo il bilancio della giornata forzanovista calabrese: a Cosenza numerosi militanti e simpatizzanti hanno partecipato all’attesa conferenza stampa del segretario nazionale Roberto Fiore – il cui intervento è stato preceduto dalle introduzioni del portavoce regionale del Movimento, Igor Colombo, e del coordinatore regionale Davide Pirillo – mostrando grande interesse, entusiasmo e una consapevole certezza: si è trattato, infatti, per la storia dei movimenti nazional popolari, di un evento particolarmente significativo, e non solo per i contenuti: la reazione di ciò che resta dell'”antifascismo” cosentino è stata più “rumorosa” sul piano della diffamazione sui social e sulla stampa che su quello della, pressoché inconsistente, opposizione di piazza.

Roberto Fiore ha inizialmente informato i giornalisti presenti delle numerose querele sporte contro alcuni loro colleghi, soffermandosi in particolare sulle vergognose falsità scritte sul suo presunto coinvolgimento nella strage di Bologna. “La magistratura, ha precisato, si è espressa già da tempo in modo inequivocabile: l’allora giovanissimo Fiore fu, infatti, parte lesa e vittima di depistaggio”.
Grande spazio ha poi dedicato agli scenari politici internazionali, con alcuni passaggi importantissimi riguardanti la strage parigina ed i recenti stupri avvenuti a Colonia e in altre città europee. Fiore, che è anche presidente del partito europeo Alliance for Peace and Freedom, ha fatto quindi riferimento alle sue visite in Siria, dove APF è stata ricevuta da importanti esponenti del Governo e del Parlamento, occasioni preziose per ricavare importanti informazioni di prima mano, e agli attacchi dell’attuale governo sul fronte dei riconoscimenti alle coppie gay e dell’approvazione dello Ius Soli.
Su questi temi, Forza Nuova svolge, ogni giorno di più, un ruolo importantissimo, essendo spesso l’ultimo baluardo a difesa del popolo e della famiglia.

Si è poi tenuta nel pomeriggio l’inaugurazione della nuova sezione calabrese a Verbicaro. Vane si sono rivelate le scomposte reazioni del sindaco che, nelle ultime settimane, ha goduto di un’effimera notorietà sui media locali per la sua isterica contrarietà alla nostra presenza in piazza: Forza Nuova è entrata in centro, ha inaugurato la sua sezione e ha anche effettuato un presidio nella piazza principale, facendo sentire con forza la propria voce allo sparuto e spaurito gruppetto di contestatori della sinistra antagonista che ha risposto all’appello del primo cittadino.

Grande soddisfazione, ed una comprensibile emozione, per il responsabile locale Sebastian Russo (“Da subito al lavoro per i cittadini di Verbicaro”) fermo e concreto l’intervento del segretario provinciale del cosentino, Rosario Castiglia, che non ha risparmiato attacchi verso chi si è opposto alla presenza forzanovista.
Dopo gli interventi di Fiore e Pirillo, ha preso la parola anche Alfredo Iorio, responsabile della storica sezione Prati del MS romano. Iorio non ha mancato di ricordare le sue origini calabresi e, con importanti riferimenti alla storia regionale, ha insistito sulla voglia di riscatto sociale di questa splendida terra e sull’importanza di dover riprendere la lotta a difesa della nostra fede religiosa, delle nostre case, delle nostre donne.

cosenza

verbicaropiazza

Redazione RadioFN

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi