Cerignola : “Integrazione impossibile e degrado crescente”

Cerignola (FG) 20 febb –

Il nucleo Forza Nuova di Cerignola denuncia il degrado crescente in alcuni quartieri tra i più antichi della città, un degrado non solo urbanistico, infatti di questo soffre diffusamente e per gradi diversi l’intera cittadina, a causa della latitanza delle istituzioni, ma anche, e in special modo, sociale e morale, dato dal massiccio insediamento, in stabili relativamente molto piccoli per il numero di persone che ospitano e il più delle volte fatiscenti, di immigrati nord-africani, sub-sahariani e, soprattutto, est-europei, non tutti lavoratori stagionali.
Dall’ inizio dell’insediamento in tali quartieri, iniziato anni or sono, dei primi immigrati, accentuato per gli est-europei dal Trattato di Schengen, dopo l’entrata nell’ UE dei loro stati d’appartenenza, gli italiani, commercianti e residenti, si sono visti costretti a spostarsi per il diminuire del volume delle entrate, se non a chiudere; l’assenza delle istituzioni, inoltre, sta rendendo alcuni quartieri terra di nessuno.
Molti puntano il dito contro i nostri concittadini accusandoli di “intolleranza” e riempiendosi la bocca con la parola “integrazione”, un’integrazione che risulta impossibile, non certo per colpa dei cittadini di qui che sono stati fin troppo “tolleranti”, ma per il rifiuto di tali comunità ad integrarsi ed inserirsi in un società civile.
La tensione, ormai, è palpabile, sia per la politica dei “due pesi, due misure”, attuata dalle istituzioni che per atteggiamenti e comportamenti di molti immigrati.

La situazione peggiora nei periodi di raccolta dell’uva e delle olive, tra agosto e gennaio, con l’ aumento incontrollato di immigrati, a causa dei lavoratori stagionali, e dei rischi sanitari, dato dal sovrappopolamento di alcuni stabili. Forza Nuova Cerignola chiede la riqualificazione di tali quartieri, sia a livello urbanistico, sia culturale, anche perché da tale fenomeno sono colpite alcune delle zone più belle della Cerignola antica.
Le potenzialità ci sono, sono sempre più ricercate location “antiche” in cui insediare nuove attività commerciali, basta guardare all’esempio della vicina Barkletta.
Chiediamo un piano di recupero sia del decoro urbanistico del centro antico che della vitalità che lo animava anni or sono, con politiche di sgravio fiscale ed incentivi per le attività commerciali e per i cittadini che decidono di restaurare quelle antiche dimore, oltreché interventi di riqualificazione urbanistica e di sicurezza pubblica. Ciò si tradurrebbe in nuovi posti di lavoro, oltreché maggiori rendite per i proprietari degli immobili interessati; bisogna riconsegnare quelle zone di Cerignola ai nostri concittadini.
Concludiamo ripetendo a gran voce quello che Forza Nuova chiede da anni: la sospensione del nefasto trattato di Schengen, per i Paesi UE, e l’ immediato blocco dell’immigrazione.
Nucleo Forza Nuova Cerignola

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi