Campo rom a Cosenza, Colombo: “Perché smantellarlo attingendo a fondi pubblici?”

2 ottobre – Igor Colombo*-

Le spiegazioni fornite dal vicesindaco di Cosenza, Luciano Vigna, relative allo smantellamento, da pagare con denaro pubblico, della tendopoli rom in città mi lasciano davvero perplesso perché non riesco a comprendere se la sua sia mala fede oppure incompetenza amministrativa.
Affermo ciò in quanto, a suo dire, lo smantellamento del campo non intaccherà le già esigue risorse del welfare: sono soldi, dice, che il Comune ha reperito dal fondo di riserva del Bilancio cui si attinge, ovviamente, per esigenze sopraggiunte di natura del tutto eccezionale; fondi, però, che non possono essere assolutamente stornati per affrontare l’emergenza rom, per questo tipo di interventi ogni Comune riceve, infatti, fondi ministeriali appositamente destinati all’assistenza di queste comunità allogene.

Chiedo dunque al vice-sindaco Vigna che fine abbiano fatto tali finanziamenti che il Comune di Cosenza ha per forza di cose ricevuto e perché non sono mai stati impiegati negli anni per questa emergenza? Ancora, vorrei chiedere a Vigna, ed a tutta l’Amministrazione comunale, come, in questi anni di governo targato Occhiuto, la comunità rom sia stata trattata: solo come nomade oppure anche con lo status della cittadinanza italiana?
Perché, se l’ultima ipotesi da me avanzata fosse confermata, la cosa suonerebbe come una beffa per tutte quelle famiglie cosentine che vivono sotto la soglia di povertà, ricevono quasi nulla dalle istituzioni e non possono permettersi nemmeno un alloggio.
Ancora domando,la comunità rom è stata o no finora allacciata al contatore unico intestato al Comune per la fornitura di gas,luce ed acqua? E chi ha pagato in tal caso?
Tutti interrogativi legittimi che non sono posti solamente da Forza Nuova ma anche da tutto un popolo, quello cosentino, che evidentemente è vessato e discriminato da certi iniqui trattamenti che vanno contro chi paga regolarmente le tasse e spesso si vede cancellare anche i servizi che dovrebbero essere garantiti.
Invito Sindaco e vicesindaco a fornire risposte nella prossima assise cittadina, i rom sono già tutelati con appositi fondi, che a quanto pare la Giunta Occhiuto occulta o non utilizza, tutte le altre risorse, comprese quelle del fondo di riserva del bilancio, devono essere impiegate per altre emergenze che riguardano la città ed i suoi abitanti.

*Portavoce regionale
Forza Nuova Calabria

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi