Brescia, Lega e antagonisti? Aria fritta, FN con i lavoratori delle acciaierie Stefana

Brescia – 12 genn

Sabato pomeriggio, in città, abbiamo assistito ad un teatrino infelice: da una parte, la sinistra antagonista ha portato un fatto preoccupante come quello di Parigi sul piano della provocazione a tutti i costi, dimenticando che Brescia, proprio in questo senso, è una pericolosa polveriera, grazie alle politiche immigrazioniste che essa stessa appoggia.
Dall’altro lato, una stantia e smemorata Lega Nord gridava in contemporanea di “essere Charlie”, voltando le spalle al Front National, contro cui il settimanale francese in questione aveva lanciato una campagna per lo scioglimento negli anni ’90.

Lasciando alla sua sorte questa commedia deprimente, in cui i due sceneggianti sono facce della stessa medaglia, i militanti di Forza Nuova, nella serata di domenica, hanno continuato la propria campagna per la sicurezza cittadina nella zona ovest, distribuendo volantini nelle cassette delle lettere dei quartieri S. Anna, Chiusure e Torricella. Inoltre, il movimento rende noto che, giovedì 15 gennaio alle ore 21.30, si terrà, in via Benedetto Croce 21 a Brescia, una conferenza sulla crisi delle acciaierie Stefana: alcuni dipendenti dell’azienda siderurgica esporranno la situazione che riguarda la sorte dei 700 lavoratori.
Consci che la politica non sia semplice provocazione mediatica, ma costante e concreta attività sul territorio, lasciamo volentieri ai meno propositivi gli insulti sbraitati e l’aria fritta, mentre noi preferiamo, nei limiti delle nostre possibilità, lavorare senza clamore per le reali priorità degli italiani.

FORZA NUOVA BRESCIA
Ufficio Stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi