Brescia, esposta in silenzio bandiera siriana; no all’ipocrisia di certe commemorazioni

Brescia 17 nov –

Ieri sera, mentre davanti al teatro Grande di Brescia era in corso l’iniziativa, organizzata dal sindaco Emilio Del Bono, per commemorare le vittime degli attentati di Parigi, alcuni militanti di Forza Nuova si sono uniti alla folla presente per contestare il primo cittadino e il Partito Democratico.
Al termine dell’esecuzione degli inni nazionali di Italia e Francia, mentre Del Bono reggeva il comizio, alcuni forzanovisti hanno esposto in maniera del tutto pacifica e silenziosa una bandiera della Siria.
Il gesto ha voluto ricordare che – mentre la Francia e la Turchia nel Vicino Oriente sostengono militarmente gruppi islamisti come Al-Nusra (affiliato ad Al-Qaeda), USA ed Israele fanno altrettanto con l’ISIS ed i “terroristi moderati”, in funzione Anti-Assad – gli unici a combattere veramente il terrorismo islamico internazionale sono il presidente legittimo della Siria, nonché la Russia di Putin e le milizie di Hezbollah.
Il discorso di Del Bono, in linea con la dottrina politica pro-immigrazione del Partito Democratico (soprattutto dei vari Chaouki, Fiano, Kyenge, etc.) ha cercato di sviare l’attenzione su presunti populismi e fondamentalismi che minacciano la democrazia.
Ritenendo che le vere cause degli attentati sopra citati siano da ricercarsi, a livello interno, nel fallimento della società multietnica e di presunti diritti di cittadinanza fondati sullo Ius Soli (i terroristi di Parigi erano quasi tutti “francesi” figli di immigrati e residenti nelle famigerate Banlieus), al termine della cerimonia, Forza Nuova ha dunque proseguito la protesta, contestando quanto affermato da Del Bono.
I forzanovisti si sono quindi recati dal sindaco di Brescia. “La società multietnica ha fallito: perché non lo dici?” oppure “Brescia è uno dei principali centri del terrorismo islamico internazionale: te ne rendi conto?”, le domande poste al primo cittadino, il quale – forse imbarazzato e spiazzato – ha però preferito dileguarsi senza rispondere.

Forza Nuova Brescia
Ufficio stampa

Tags

Ti potrebbe piacere...

Scusa ma i commenti sono chiusi